Home Mappa del sito Privacy e Cookie policy
  GM Servizi srl      GM Informatica
Home | Portfolio | R.S.A da 40 p.l.
Dati Generali

Data: Febbraio 2003
Località: Corinaldo (AN)
Tipologia:
Sanitą
Prestazione:
Progettazione
Direzione lavori
Attivitą specialistiche:
Restauro
Impianti meccanici
Impianti elettrici e speciali
Coordinamento sicurezza
Prevenzione incendi
Acustica
Stato dell'arte:
Opera realizzata




R.S.A da 40 p.l. - Corinaldo (AN)


Residenza Sanitaria Assistenziale

       (Scheda aggiornata al: dic.2007)

  • Committente: ASUR Marche - Zona Territoriale 4 Senigallia
  • Inizio lavori: 28-04-2004
  • Fine lavori: 25-10-2007

Il progetto prevede la realizzazione di una R.S.A. per 40 posti letto.
In base all’attuale utilizzo dell’intera struttura, alle superfici utili per ogni piano, alle risorse economiche disponibili e alle esigenze distributive, funzionali e di sicurezza, è stato previsto:
• di ristrutturare l’intero piano primo, circa 1500 mq;
• di ristrutturare la zona della ex cucina, al piano terra, attualmente in disuso;
• usufruire, senza alcun intervento di ristrutturazione di alcuni servizi già esistenti in altri piani del complesso(cappellina, camera mortuaria, depositi);
• di non prevedere tra i servizi generali quello di cucina e di lavanderia perché, in fase di gestione, verranno dati in appalto all’esterno.
Basandosi sulla tipologia per nuclei elementari singoli fino a 20 posti letto, il progetto prevede, al piano primo, due distinti nuclei abitativi (camere con relativi servizi igienici, locale per personale di assistenza ,bagno assistito e servizi vari) aventi tra loro in comune i servizi di nucleo (soggiorno, TV, sala pranzo, cucinetta, attività occupazionali ecc.) ,e alcuni servizi sanitari e amministrativi fruibili anche da una utenza allargata alle attività di distretto.
Prevedendo un utilizzo allargato anche a pazienti esterni, con possibilità di notevole risparmio di risorse economiche in fase di gestione, il servizio sanitario relativo alla fisiochinesi terapia e alla riabilitazione fisica è stata collocato al piano terra, dove è possibile reperire spazi sufficienti a tale struttura.
Detti locali per il servizio di fisiochinesi terapia e riabilitazione fisica, in accordo con il responsabile del servizio di riabilitazione e con il responsabile del distretto, sono stati previsti, sulla base di alcune considerazioni di carattere dimensionale e di accessibilità, al piano terra, nei locali dell’ex cucina. modificando con ciò l’originaria previsione di massima che li prevedeva nell’ex reparto operatorio.
La suddetta collocazione dell’attività, attualmente prevista negli spazi minimi indispensabili per l’erogazione del servizio, consentirebbe tra l’altro in un prossimo futuro anche il suo eventuale ampliamento negli adiacenti locali attualmente non utilizzati.
Dal punto di vista architettonico, il progetto prevede sostanzialmente di mantenere tutti i caratteri formali e distributivi originali, e nel caso del chiostro del vecchio corpo conventuale, al primo piano, il riordino delle aperture secondo lo studio filologico delle posizioni originarie.
Sempre all’interno del chiostro, nella piccola porzione, in cui si va ad intervenire al piano terra, essendo impossibile proporre la riapertura dell’originario porticato, si metteranno in evidenza le arcate originarie e si riordineranno le aperture richiudendo quelle disarmoniche e contrastanti.
Nel cortile interno, adiacente al corpo aggiunto negli anni ’30, verrà posizionata una scala in ferro, indispensabile per collegare il terrazzo del piano primo (luogo sicuro statico) al cortile del piano terra e poter quindi accedere all’adiacente scalone interno, trasformato, nel presente progetto, in scala protetta che adduce direttamente all’esterno lungo via degli Eroi.
Infatti, ai fini della sicurezza e delle norme di prevenzione incendi, è necessario prevedere una via di fuga che, dall’attuale copertura piana del corpo aggiunto negli anni ’30 conduca direttamente all’esterno, in un luogo sicuro dinamico (strada pubblica).
Altre modifiche sostanziali apportate, anche qui a livello strutturale, e sempre per motivi di sicurezza, è la demolizione del vano scala interno all’ampliamento degli anni ’70, mai completato e mai utilizzato, e la realizzazione ex novo di una scala in c.a. posizionata all’interno dello spigolo sud-ovest del suddetto ampliamento.
Infatti, l’eventuale utilizzo del vano scala esistente, non avrebbe risolto i problemi strettamente legati all’adempimento della normativa antincendio, con la necessità di prevedere comunque un ulteriore blocco scala in corrispondenza dello spigolo sud-ovest.
In definitiva risultando superfluo il mantenimento della scala esistente, è stata prevista la sua demolizione per utilizzare in modo migliore lo spazio da essa occupato.
Inoltre verrà demolita l’attuale scaletta di accesso al sottotetto, poiché la sua posizione intralciava la nuova distribuzione del nucleo “B”, e creato un nuovo collegamento, tramite scala a chiocciola, in corrispondenza dell’ingesso principale al primo piano.
In seguito a ciò si è reso necessario, nel sottotetto, prevedere la realizzazione di alcuni solai in c.a di collegamento.
Per quanto riguarda la copertura dell’intero edificio, la parte strutturale è stata conservata in tutte le sue svariate tipologie. In particolare, relativamente alla porzione di tetto con struttura in legno, è stata prevista la sostituzione delle travi e dei travetti ammalorati e la ripassatura dell’intero manto di copertura.
Sempre nel sottotetto è stata prevista la ripulitura e il consolidamento delle camorcanne da conservare.


 
STUDIO TECNICO GRUPPO MARCHE
62100 MACERATA - Villa Potenza - C.da Potenza 11 - Tel 0733 492522
Cod. Fisc./P.IVA 00141310433 - www.gruppomarche.it - email: staff@gruppomarche.it
webdev: www.drop.it