Home Mappa del sito Privacy e Cookie policy
  GM Servizi srl      GM Informatica
Home | Portfolio | Laboratori di analisi, anatomia patologia e banca degli occhi
Dati Generali

Data: Luglio 2009
Località: Fabriano (AN)
Tipologia:
Sanitą
Prestazione:
Progettazione
Direzione lavori
Attivitą specialistiche:
Impianti meccanici
Impianti elettrici e speciali
Coordinamento sicurezza
Prevenzione incendi
Acustica
Stato dell'arte:
Opera realizzata




Laboratori di analisi, anatomia patologia e banca degli occhi - Fabriano (AN)


Ospedale "E.Profili" - Fabriano

       (Scheda aggiornata al: set.2009)

  • Committente: ASUR Marche - Zona territoriale 6, Fabriano (AN) 

Il progetto prevede la realizzazione dei locali da adibire a laboratori di analisi, laboratori di anatomia patologia e laboratori per la banca degli occhi da collocare nel piano 1° sottostrada del corpo M della 4° fase, attualmente al rustico murario.
Esigenze da soddisfare
L’assoluta necessità di ampliare e di mettere a norma, secondo i requisiti minimi strutturali ed impiantistici richiesti dalle varie normative vigenti, le strutture degli attuali laboratori di analisi, dei laboratori di anatomia patologica e dei laboratori della banca degli occhi, hanno suggerito il trasferimento degli stessi nei locali a disposizione nel piano 1°sottostrada del corpo M della 4° fase.
Allo stato attuale i suddetti laboratori sono collocati nei vari piani del vecchio complesso ospedaliero e, nel caso dei laboratori d’analisi, collocato al piano terra nelle vicinanze del vecchio atrio, comprendono anche il punto prelievi con l’assoluta necessità di adeguare ed ampliare i locali di attesa dei pazienti.
Il progetto prevede quindi di riunite in un unico comparto, al piano 1° sottostrada corpo M dell’ala degenze della 4° fase, tutti i laboratori mentre per il punto prelievi con relativa attesa, verrà mantenuta l’attuale collocazione prevedendo l’umanizzazione e l’ampliamento dei locali.
Caratteristiche compositive e tecniche dell’intervento
Essendo l’intervento interno ad edificio esistente, sia le caratteristiche architettoniche che strutturali sono già determinate; ne deriva che le scelte da adottare sono essenzialmente di ordine distributivo ed impiantistico.
Allo stato attuale le pareti perimetrali esterne, ad intercapedine sono costituite da muratura portante in c.a. all’esterno + un piccolo strato di isolamento termico + forato interno.
In seguito alle più recenti normative sul risparmio energetico tale pacchetto non risulta sufficiente alla coibentazione dell’edificio richiesta per legge, quindi è stato previsto la demolizione della muratura di tamponamento interno ed è stato apposto un nuovo pacchetto costituito da 10cm di isolamento termico in lana di roccia + rifodero interno in forati.
A pavimento, che allo stato attuale è al rustico del solaio su intercapedine areata, è stato previsto un pacchetto costituito da strato impermeabilizzante + 10 cm di isolamento termico + massetto retinato e pavimento in gres porcellanato.
Una piccola porzione del solaio, all’interno del laboratorio d’analisi destinato alla così detta “catena” è stata rinforzata con putrelle in acciaio ( vedi tavola strutturale ) per meglio distribuire i notevoli carichi dovuti alle attrezzature.
Inoltre nell’intradosso del solaio dei locali in oggetto sono collocati fasci di tubazioni impiantistiche che provengono o adducono ai piani superiori e che in alcuni casi devono essere sezionate in termini antincendio rispetto alla compartimentazione del piano soprastante.
Caratteristiche distributive e dimensionali
Trattandosi di laboratori d’analisi, soggetti a rapido rinnovo tecnologico impiantistico ed informatico, va garantita la massima flessibilità organizzativa e funzionale, con possibilità di ridistribuzione delle superfici.
Questa considerazione ha influenzato le scelte del sistema costruttivo ed impiantistico che dovranno consentire lo spostamento, il montaggio, lo smontaggio,l’aggiunta di elementi attraverso lavorazioni a secco, non polverose e non rumorose.
Quindi la suddivisione interna dello spazio a disposizione si basa principalmente sulla predisposizione di un corridoio di distribuzione centrale, realizzato in muratura, lungo il quale si affacciano una sequenza modulare di porte che accedono, lungo i due lati del corridoio, su più o meno ampi spazi.
Questi spazi, tramite un sistema modulare di pareti mobili, potrà essere ridistribuito a seconda delle necessità del momento, senza alcun intervento di ordine murario ma solo di smontaggio e rimontaggio delle pareti interessate.
Anche il sistema impiantistico, elettrico, idrotermosanitario, informatico ecc., seguirà la stessa logica.
Lungo i corridoi centrali verranno posizionate le dorsali principali fisse degli impianti, mentre all’interno dei laboratori gli impianti di illuminazione, ventilazione, riscaldamento verranno realizzati secondo un sistema modulare tale da rimanere sempre efficiente a prescindere dal posizionamento delle tramezzature mobili.
L’intera area dei laboratori d’anali ha un ingresso principale dall’esterno ed uno dal corridoio di collegamento trasversale dei diversi corpi di fabbrica ospedalieri.
Una piccola scala in muratura ed una piattaforma elevatrice eliminano il lieve dislivello tra il corridoio di collegamento trasversale, a q-5.20 e il piano dei laboratori, posizionato a q-3.80.
All’interno, l’area è suddivisa in tre distinti laboratori:
Laboratorio di analisi, che, compreso il connettivo, occupa circa 347 mq. Comprende: -attività amministrative con accettazione e archivio; - laboratorio urine di circa 10mq, -laboratorio della così detta “catena con annesso punto accettazione prelievi di circa 83mq; studio urgenze di circa 12 mq; virologia di 12mq; la microbiologia di circa 22mq; l’elettroforesi/ematologia/coagulazione di 30mq, più studi e locali accessori.
Laboratorio di anatomia patologica, che occupa circa 60mq . comprende un ingresso accettazione con armadi archivio di circa 10mq; un ambulatorio prelievi di circa 13 mq; un ambulatorio di anatomia patologia di circa 21 mq, un archivio per pezzi anatomici di circa 5 mq; uno studio medico di circa 9 mq,
La banca degli occhi che occupa circa 180 mq. Comprende due laboratori di circa 12 mq di classe B di cui alla guida europea alle buone pratiche di fabbricazione(GMP),allegato1, .muniti di ambienti per la svestizione, lavaggio,vestizione e filtro di uscita; un locale per la preparazione dei reattivi di circa 16 mq; un locale deposito frigo di circa 16mq; un locale denominato criogenesi, una segreteria accettazione; un locale per il dirigente e un locale a disposizione per futuri ampliamenti del servizio.

 
STUDIO TECNICO GRUPPO MARCHE
62100 MACERATA - Villa Potenza - C.da Potenza 11 - Tel 0733 492522
Cod. Fisc./P.IVA 00141310433 - www.gruppomarche.it - email: staff@gruppomarche.it
webdev: www.drop.it